Le verdure surgelate mantengono tutta la percentuale di fibre, ma perdono alcune qualità nutrizionali. Scopriamo insieme quali!

Le verdure surgelate sono una grande comodità, ma bisogna prestare attenzione alla loro qualità, alla tipologia di frigorifero in cui vengono mantenute e ad altri fattori. Vediamo insieme come poterle conservare al meglio!

Freeze: vitamine bloccate!

Abbiamo già visto come la freschezza di una verdura dipenda dal tempo che trascorre tra la raccolta e l’arrivo nella nostra cucina. Infatti, le vitamine si degradano via via che rimangono a contatto con luce e aria.

Nella verdura surgelata il processo di degradazione si blocca, grazie alle basse temperature, quindi la verdura mantiene a lungo il suo contenuto di vitamine!
Se la verdura fresca è però raccolta alcuni giorni prima di essere messa in commercio e magari poi rimane qualche giorno all’interno del nostro frigorifero prima di essere consumata, ecco che avrà perso gran parte del suo contenuto nutritivo.

Verdure o spinacine?

Fermi tutti, facciamo una precisazione! Il discorso che abbiamo appena fatto vale se scegliamo le verdure al naturale ovvero broccoli, fagiolini, spinaci, carote, piselli, e non “prodotti elaborati” come creme, sformati, zuppe pronte!
Questi alimenti infatti, pur essendo a base di verdure, contengono grassi, sali, esaltatori di sapidità, che fanno perdere parte dalle proprietà nutrizionali delle verdure.

Cosa si perde?

La surgelazione fa mantenere buona parte delle qualità nutrizionali, ma ne fa perdere qualcuna.
Ad esempio nelle verdure a foglia verde come bietole o erbette, la surgelazione fa perdere il contenuto dei folati (vitamine del gruppo B), pertanto è necessario integrare la tavola con verdure fresche a foglia verde tipo la cicoria. Anche nella surgelazione degli spinaci si perde una buona parte dei folati, così come nei cavoli si perde una parte dei glucosinolati, tutte sostanze preziose per l’organismo.

In fondo è sempre così, “la verità sta nel mezzo”: le verdure fresche e di stagione sono sempre da preferire, ma quando non si ha tempo o voglia di pulirle, piuttosto che non mangiarle, è meglio acquistare le verdure in busta o surgelate, anche perché gli ortaggi surgelati mantengono comunque la fibra!

Tic-Tac, non dimentichiamo i prodotti in freezer!

Occhio però a non dimenticare le verdure surgelate nel freezer! Lì non durano per sempre.
Alcuni studi hanno dimostrato che dopo tre mesi dalla surgelazione, le verdure perdono una parte di vitamine del gruppo B.

Anche la tipologia di freezer fa la differenza: un congelatore moderno identificato da tre o quattro stelle non ha nessun tipo di problema, un congelatore con solo due stelle fa durare i surgelati circa un mese, mentre un tipo con una stella, solo una settimana!

Quindi bambini, ben venga il minestrone surgelato, ma in una giornata in cui abbiamo tempo non priviamoci del piacere di cucinare un minestrone con verdure fresche acquistate dall’ortolano di fiducia (magari appena colte!): gusteremo la differenza!