Bere la giusta quantità d’acqua giornaliera è importante. Vediamo insieme quanta bisogna assumerne e scopriamo le sue caratteristiche!

Bere è importantissimo. Il nostro corpo per la maggior parte della sua composizione è fatto di acqua ed è prioritario mantenere un buono stato di idratazione, nonostante alcuni processi metabolici del nostro organismo ci portino a perdere liquidi: urine, sudore, respirazione e traspirazione.

Quanta acqua dobbiamo bere?

La quantità d’acqua da assumere ogni giorno non è uguale per tutti! Il valore infatti varia in base all’età, al genere, alla temperatura, ad alcune situazioni particolari come la gravidanza e l’allattamento e altri fattori ancora. Ecco quindi alcuni valori di riferimento per l’assunzione di acqua giornaliera nelle varie fasce di età, in condizioni di equilibrata temperatura ambientale e di una moderata attività fisica (LARN rev IV).

Età Assunzione giornaliera di acqua (ml/die)
Neonati (6-12 mesi) 800
Bambini 1-3 anni  1200
Bambini 4-6 anni 1600
Bambini 7-10 anni 1800
Adolescenti 11-14 anni Maschi: 2100 Femmine: 1900
Adolescenti 15-17 anni  Maschi: 2500 Femmine: 2000
Adulti e anziani 18-74 anni e > 75 anni  Maschi: 2500 Femmine: 2000
Gravidanza 2350
Allattamento 2700

Come potete notare, la composizione del latte materno (acqua e soluti) è tale da soddisfare anche le necessità dei liquidi del neonato, per cui non avrà bisogno di assumere altra acqua, anche in condizioni di elevata temperatura dell’ambiente.

Da quali cibi possiamo assumere l’acqua

L’acqua non viene introdotta nel nostro organismo solo attraverso le bevande, ma anche mangiando determinati cibi, come frutta, verdura, latte, zuppe.
Anche altri alimenti come cereali, carne e pesce contengono acqua, ma in misura minore.

Acqua del rubinetto o in bottiglia?

Sicuramente l’acqua del rubinetto è potabile e sicura. Ogni acqua ha però diverse caratteristiche chimico-fisiche, come residuo fisso e durezza.
Tali caratteristiche si possono leggere nelle etichette, per le acque in bottiglia, o sul sito della società fornitrice di acqua del nostro Comune.

Se l’acqua proveniente dal rubinetto ha un sapore o odore di cloro che non gradite, basta versarla dentro a brocche capienti e lasciarla decantare: il cloro è volatile e dopo un’oretta non ce ne sarà più traccia! 

Teniamo inoltre presente, bambini, che le acque imbottigliate hanno un maggiore impatto ambientale: quasi tutte le bottiglie utilizzate sono di plastica, che per quanto riciclabile, sicuramente avrà un effetto sull’ambiente.
Inoltre, bisogna anche considerare l’inquinamento causato dal trasporto dalle bottiglie

Falsi miti su calcio e sodio

Ricordiamoci infine due informazioni importanti:

  • Il sodio, contenuto in tutte le acque, è talmente basso che la sua assunzione non ha nessun impatto né sull’estetica, né tanto meno sulla salute. Quindi si potrebbe dire che un’acqua vale l’altra!
  • La quantità di calcio contenuta nelle acque può danneggiare le tubature e gli elettrodomestici, ma è assolutamente innocua per l’uomo.
    Non è vero che il calcio presente nelle acque favorisce la formazione di calcoli renali!

Insomma, qualsiasi tipologia di acqua decidiate di bere, ricordatevi di assumerne la giusta quantità giornaliera!