Frutta e verdura, con il loro apporto di acqua, fibre, minerali e vitamine, incidono super positivamente sul nostro stato di salute! Vediamo insieme perché.

Molti studi scientifici, ormai, hanno accertato (e in questo caso non c’è alcuna controversia!) che il consumo di frutta e verdura aiuta a proteggerci nei confronti di alcuni disturbi: sovrappeso e malattie croniche degenerative.
Vediamo le caratteristiche di questi alimenti.

Frutta e verdura: mmm… che buone!

Per incrementare il consumo di frutta e verdura, partiamo dalle nostre case! I nostri genitori, nonni o zii sono sicuramente le persone di cui ci fidiamo di più e rappresentano un esempio da seguire.

Se ci fanno trovare ogni giorno in tavola spinaci e carote, mele e arance, un valido motivo c’è: non solo questi alimenti fanno molto bene alla nostra salute, ma sono anche buonissimi! Provare per credere!

Attenzione alle mezze verità!

Come sempre, miei cari amici, è importante informarsi da fonti autorevoli sul consumo e la preparazione del cibo! È vero, per esempio, che la cottura tende a privare in parte gli alimenti dai nutrienti, ma vi ricordo che ne riduce solo la presenza, non la elimina del tutto.

Ad esempio: è vero che la vitamina C è termolabile, quindi si degrada con il calore… ma in quale quantità? I broccoli di rapa in cottura perdono circa il 25% di vitamina C, ma ne rimane sempre un 75%, ovvero una quantità adeguata a soddisfare il fabbisogno giornaliero.

Inoltre, esistono delle molecole, come i carotenoidi, che non sono affatto danneggiate dalle alte temperature, anzi: processi come la sterilizzazione ne facilitano l’estrazione aumentandone la disponibilità.

Il consiglio, in generale, è quello di cuocere poco le verdure per evitare che abbiano una consistenza molle – che proprio non ingolosisce! – e di provare a saltarle leggermente in padella così che siano croccanti e gustose!

Più colori, più nutrienti!

Ormai, è diffusa l’opinione di consumare almeno 5 porzioni d frutta e verdura durante la giornata: due contorni ai pasti principali e introdurre la frutta anche come spuntino nelle merende di metà mattina o del pomeriggio.

Ricordiamoci però che la merenda non si fa solo con la banana! Ci sono le mele, le arance… e anche la verdura. Avete mai provato in estate a fare dei piccoli spuntini con dei pomodorini freschi? Oppure prima di cena potreste provare a mettere in tavola piccole porzioni di carote, sedano e finocchi crudi da sgranocchiare per ridurre il senso di fame e fare una scorpacciata di fibre.

Quanti più colori mettiamo nel piatto, meglio è: ogni colore indica una molecola bioattiva diversa, quindi tanti più colori, tanti più nutrienti, tanta più salute!

Di stagione è meglio!

Ricordatevi che si suggerisce di consumare quanto più possibile verdure di stagione perché più saporite e più ricche di nutrienti. Il “prodotto di stagione” è buono per sua natura e non ha bisogno di tante aggiunte di sale e condimenti!

Inoltre bambini, se mangiate poca frutta e verdura, non sono sufficienti integratori di vitamine o sali minerali per colmare questa mancanza: le molecole bioattive, assunte in “pillole”, non hanno lo stesso effetto benefico di quelle che si trovano naturalmente in frutta e verdura fresche!