Per merenda a scuola, dopo cena o per uno spuntino a metà mattina la frutta è pratica, gustosa e super nutriente, soprattutto se di stagione.
Scopriamo insieme le sue proprietà!

Abbiamo parlato più volte delle meravigliose proprietà della frutta: così ricca di principi nutritivi, minerali, vitamine, fibra, acqua e al tempo stesso così povera di contenuto calorico. Insomma, l’alimento ideale come spuntino o a fine pasto!

Quali sono le sue proprietà?

È importante sapere che al di fuori della sua stagionalità, la frutta è prodotta in serra e conservata in celle frigorifere ad atmosfera controllata, spesso utilizzando antimicrobici e antimicotici per impedirne la marcescenza.

Se la frutta ha la possibilità di crescere naturalmente, non ha bisogno di trattamenti chimici che le impediscano di marcire e si potrebbe ridurre l’introduzione di una buona parte di agenti chimici.

Anche le proprietà nutrizionali si riferiscono al “frutto di stagione”, perché se consumiamo un frutto che è stato mantenuto in frigorifero per diversi mesi, di vitamine ne assumeremo ben poche…il frutto sarà ridotto quasi a un concentrato di acqua e zucchero!

Le proprietà nutrizionali della frutta di stagione si possono riassumere in:
– elevato contenuto di acqua
– elevato contenuto di vitamine (A e C)
– buon contenuto di sali minerali
– buon contenuto di fibra
– buon contenuto di zuccheri
– scarso apporto proteico

E i grassi?

Solitamente l’apporto lipidico della frutta fresca è molto basso, fanno eccezione alcune tipologie di frutti: l’avocado e il cocco. Il primo contiene il 23% di grassi (sul peso totale), il secondo il 35%. Si tratta in gran parte di grassi mono e polinsaturi con moltissime proprietà benefiche, bisogna però assumerli con moderazione perché questi hanno un apporto calorico molto più alto rispetto agli altri frutti!

Quando è consigliato mangiare la frutta?

Sicuramente la frutta a fine pasto ha la tendenza a fermentare e quindi ad appesantire la digestione. Se però è gradita e non crea problemi digestivi, non c’è ragione per eliminarla, la frutta è sempre la benvenuta!
Piuttosto sfatiamo un’opinione diffusa: non è vero che la frutta a fine pasto fa ingrassare, è l’introito calorico che conta.
Magari, se stiamo facendo una dieta dimagrante, allontanare la frutta dai pasti e quindi proporla come “spuntino” può essere sicuramente utile per ripartire al meglio le calorie durante la giornata e arrivare meno affamati al pranzo o alla cena.

La frutta in cucina.

Lo sapete che con la frutta si possono preparare tante ricette prelibate per invogliare anche i più increduli a mangiarla? Vi ricordate la torta alle pere?
Dai semplici dolci, alle spremute e infine ai ghiaccioli.
Prapararli in casa è semplicissimo!
Bastano degli stampi per ghiaccioli, un freezer e ovviamente la frutta di stagione.
I ghiaccioli possono essere preparati o con i succhi di frutta (meglio estratti in casa e non acquistati, perché contengono solo lo zucchero naturale della frutta) o addirittura con i pezzi di frutta fresca.

E adesso bambini, buona frutta a tutti!